I popoli si sono immersi sott'acqua in Spagna

Saint Roman de Sau
Sapevi che in Spagna ci sono circa 500 villaggi nascosti sott'acqua? La stragrande maggioranza di essi furono sommersi a causa delle innumerevoli opere idrauliche che furono eseguite durante il regime di Franco, sia perché i bacini idrici e le paludi furono costruiti direttamente sulle città o perché alcuni di loro crollarono, causando gravi danni. Ovviamente, l'aumento del canale del fiume più vicino o l'erosione naturale sono state le cause in altri casi.

Oggi a Hard Hobbit To Break vogliamo fare un tour di alcune città spagnole sommerse. Molti compaiono solo nella stagione secca e altri non lo fanno nemmeno, ma tutti rimangono nella memoria dei loro abitanti e dei loro discendenti. Per questo, molti continuano a rendere omaggio a loro. Vuoi unirti a noi?

Lanuza, Huesca

Lanuza
Prima di tutto, vogliamo parlare di Lanuza, una città che iniziò a perdere i suoi abitanti nel 1976 a causa della costruzione del Lago artificiale di Lanuza, fino a quando non fu completamente disabitata nel 1978. La cosa curiosa è che negli anni '90 i vecchi abitanti iniziarono un processo di rivitalizzazione per recuperare le costruzioni che non sono state sommerse. Oggi il processo è ancora attivo.


San Román de Sau, Barcellona

San Roman de Sau1
Non poteva mancare dalla lista di San Román de Sau, una città che è stata letteralmente ingoiata dalle acque della palude di Sau, costruita nel 1962. La cosa sorprendente di questo luogo è che in tempi di siccità il villaggio emerge quasi interamente. Naturalmente, il campanile della chiesa è visibile anche quando il livello dell'acqua è al suo massimo.

Rondine di Noguera, Lleida

Bere di Noguera
Gli abitanti di Tragó de la Noguera dovettero abbandonare la loro città con la forza negli anni '60, quando fu riempito il serbatoio di Santa Ana. Oggi sono conservati solo alcuni resti, come l'eremo di Santa Lucia, il monastero di Vallverd e il castello di Tragó. Per curiosità, la bisnonna del calciatore Leo Messi risiedeva nella frazione di Blancafort, appartenente a Tragó de la Noguera.

La Muedra, Soria

The Muedra
Continuiamo il nostro tour a Soria, dove possiamo trovare La Muedra, una città appartenente al distretto di Vinuesa che è stata allagata con la costruzione del bacino idrico di Cuerda del Pozo. È ancora possibile vedere il campanile della chiesa al centro del serbatoio.


Granadilla, Cáceres

passiflora
Vogliamo anche parlarvi di Granadilla, una vecchia città fortificata di origine feudale che fu sfrattata a metà del XX secolo quando divenne una zona di inondazione a seguito della costruzione del bacino idrico di Gabriel y Galán. Che sì, sorprendentemente, la città non è mai stata allagata.

Mansilla de la Sierra, La Rioja

Mansilla de la Sierra
A La Rioja troviamo la Mansilla de la Sierra, che fu inondata alla fine degli anni '50 dalla costruzione del bacino idrico di Mansilla, sebbene fosse di nuovo costruita in un luogo vicino. Durante i mesi di settembre e ottobre, quando l'imballaggio è alla sua capacità minima, emergono i resti della chiesa e di altri edifici.

Riaño, León

Riano
Né potrebbe mancare Riaño da questa lista, che fu distrutta e inondata dall'omonimo serbatoio alla fine degli anni 1980. Sfortunatamente, altre otto città furono demolite e successivamente coperte dall'acqua.

Las Rozas de Valdearroyo, Cantabria

Las Rozas de Valdearroyo
Sapendo che abbiamo lasciato molte città immerse nell'inchiostro, finiremo parlando di Las Rozas de Valdearroyo, il comune più colpito dalla costruzione del bacino idrico dell'Ebro. La torre della chiesa di San Roque è ancora visibile, come rimane molto vicino alla riva. Inoltre, può essere visto da vicino attraverso una passerella in legno.

Before the Flood - Punto di non ritorno (ITA) (Completo) (Dicembre 2021)


  • Barcellona, ​​Cáceres, Huesca, Lleida, città, Soria
  • 1,230